giovedì 19 marzo 2009

Rece si, rece no


Vi siete mai chiesti se ad amare/odiare un libro, siate soli nell'universo? Siete curiosi di sapere quanto il vostro parere sia condiviso oppure no? E' possibile captare l'opinione comune su un libro, attraverso i giudizi alla recensioni???

Ecco, se siete come me, sfrugugliare su anobii alla ricerca di come sono stati votati i vostri commenti ai libri, con pollice su o pollice giù, diventa un passatempo molto divertente.

Mi sono accorta solo oggi che anobii ha reso più chiara una simpatica funzione che permette di vedere quanti voti negativi e positivi hanno ricevuto i commenti dei libri in libreria.
La cosa non ha valore statistico, ok, ma qualche curiosità carina, emerge. Impossibile interpretare il dato perchè manca una condizione fondamentale, ovvero sapere in base a cosa è stato espresso un giudizio, se sulla adeguatezza e completezza della rece in sè, o su quanto quella rece sia in accordo o disaccordo col parere dell'utente ma di cose simpatiche saltano fuori. Ho preso qualche esempio, sono i libri più votati.

Gli inganni di Locke Lamora 10 : 10 sì, 0 no
Wow, gli Inganni hanno riscosso un sacco di successo. Considerando che la mia rece non era semplicemente positiva, ma era ENTUSIASTA, ne deduco che ci sono moltissimi entusiasti del capitolo primo di Locke.

Pan 7: 9 sì, 2 no
Anche qui, la rece era abbastanza favorevole e in molti pare ci si siano ritrovati. Mi piacerebbe sapere se i due voti negativi siano stati attribuiti alla parte più pro o più contro, della stessa.

I dannati di Malva 15 : 19 sì, 4 no
Qui è facile. La mia rece era negativa e quindi chi le ha dato pollice su, vuol dire che la pensava esattamente come me. Mica pochi, eh!

Il nome del vento 4 : 4 sì, 0 no
Qui pure è agevole. L'opera prima di Rothfuss, sebbene i numeri dei suoi fan italici nn siano probabilmente tanti quanti quelli di altri autori, segna un plebiscito a favore di Kvothe.

A me le guardie! -3 :0 sì, 3 no
Io Pratchett lo detesto quindi il mio stringatissimo parere negativo, non ha incontrato il favore di chi vi è incappato. Avevo messo in conto che potessero essere di più, mi è andata bene!

La prescelta e l'erede -2 : 2 sì, 4 no
Me lo aspettavo. La rece metteva a confronto questo libro con il primo e, a mio parere, non c'è paragone. I fan della Carey non sono d'accordo...

Estasia1 3 : 9 sì, 6 no
Il mio commento non era positivo e in molti la pensano come me, ma molti altri hanno apprezzato di quell'opera proprio quello che a me non andava giù. E i voti rispecchiano bene la cosa.

Ora le interpretazioni più complicate, fatalità su autori italiani molto amati.

Prodigium 4 : 10 sì, 6 no
La rece era alla fine equilibrata, con focus sui punti a mio parere positivi e sui punti negativi. Difficile capire quei 6 no. Fondamentalmente il parere era favorevole, quindi, se il voto è stato dato al "senso complessivo" della rece, allora la mia opinione non è condivisa e nei lettori prevale l'accento sulle cose negative.

La Ragazza Drago 1 :6 sì, 5 no
Stesso dicasi per la Ragazza Drago. Rece equilibrata ma tutto sommato positiva. Ne deduco che la mia visione non sia stata precisamente apprezzata....

Estasia2 -3 :4 sì, 7 no
Rece tutto sommato equilibrata ma positiva e anche qui, decisamente stroncata! Ma piace o no questo libro??

Ok, cosa ne traggo da 'sta cosa??

In realtà poco o nulla, perchè, come ho già detto, mancano premesse interpretative fondamentali.
Però una cosa è chiara: le nostre librerie virtuali replicano uno spaccato del sentire condiviso della comunità.
Non è un caso che le recensioni numericamente più controverse siano su libri di autori italici. Il fantasy nostrano è un'esperienza recente che suscita animati dibattiti sulla sua qualità, mentre la produzione estera, più matura e pure più varia, suscita pareri più netti, pro o contro. Più o meno quello che accade nella mia libreria...

Sul fronte più propriamente recensorio, scorrendo anche gli altri voti conseguiti, mi accorgo che le rece più chiaramente "schierate" pro o contro, sono quelle maggiormente votate, mentre quelle equilibrate non riscuotono molti voti, e se si, c'è sempre un testa a testa.
Probabilmente c'è del vero in questo atteggiamento: se un lettore cerca opinioni che confermino o scoraggino un'intenzione di lettura, ha bisogno di una rece chiara, senza troppi giri di parole (praticamente sono logorroica!!)

E le vostre librerie come stanno messe? Riscontrate voti inattesi?? Rispecchiano l'atmosfera che avvertite attorno a certi libri oppure no?

26 commenti:

Fed ha detto...

Io ho il record con Pratchett: A me le guardie! ha 8 su 8 come punteggio.
Sono piuttosto orgogliosa del mio 4 su 4 di A Passage to India che ho commentato così: "un libro in cui non succede nulla e l'unica cosa che succede non si capisce se è successa o no". (Mirtilla confermi?)
Quello che non capisco invece è Cuore di Tenebra: 7 su 8 e a stupirmi non è tanto l'1 che non ha gradito quanto gli altri 7 dato che il breve commento era solo una riflessione personalissima.

CMT ha detto...

Il mio record è un 9/9 positivo su Narcissus in Chains (in generale voti quasi tutti positivi sulle recensioni ai libri della Hamilton).
Il mio commento a Ring ha ben 11 voti (8 sì, 3 no), ho dei tutto negativo a recensioni che avrei votato negativamente pure io (-4 a La Signora di Avalon, ho scritto solo che è pesante, -2 a un libro il cui unico commento è "non so perché ce l'ho")
Poi ci sono quelli sulla bilancia, tipo "Le Faremo Sapere" che ha 5 voti positivi e 6 negativi.

CMT ha detto...

Quasi dimenticavo il 4/4 positivo su Twilight, che è poi una versione appena più breve della recensione che ho scritto nel blog (o, meglio, quella nel blog è una versione più lunga di quella che ho messo su Anobii) ^_^

Valberici ha detto...

Io non commento, ma se lo facessi sono sicuro che tutti concorderebbero.... :D

Sean MacMalcom ha detto...

L'altro giorno mi hanno fatto notare che il mio commento sulla De Mari ha superato in popolarità quello lasciato da (nientepocodimeno) Licia Troisi!
Per un momento, ammetto, mi sono esaltato... poi ho riletto il commento per vedere cosa avessi scritto di tanto fantasmagorico e mi sono reso conto di non aver scritto nulla di eclatante rispetto ad altre recensioni che hanno incontrato meno favori! :D

CMT ha detto...

Non è cosa hai scritto, è come l'hai scritto (ma io non l'ho letto per cui non so di cosa sto parlando, LOL)

imp.bianco ha detto...

Difficilmente scrivo recensioni su Anobii... non so scrivere recensioni, non mi riesce per niente XD Comunque dove si vedrebbe 'sta cosa?

X-Bye

Mirtillangela ha detto...

@fed: Eh, ne deduco che sono davvero una delle poche a detestare Terry...
Su Passage to India (geniale la rece), CONFERMO col sangue!!

@Cmt: eh, anche la tua situazione è bella varia. Cose inattese??
Anche io su Twilight ho 4 su 4 positivi, ma la mia all'epoca non era una rece, più un commentino fru fru che di certo è piaciuto alle girls! ^_-

@val: evvabbè, non vale! Tu sfoderi l'artiglieria pesante!!
E' troppo facile, no? Ma qualche risultato curioso non ce l'hai?

Mirtillangela ha detto...

@sean: questo è un altro classico. Le rece in cui crediamo di aver vinto il pulitzer, non se le fila nessuno, le rece meno esaltanti son quelle che piacciono di più. Bhò!

@cmt: O_O Ahahahahah!!

@Imp: se vai sulla tua libreria, in alto a destra trovi "statistiche", lì trovi tutti i tuoi commenti ai libri che hai nella libreria, che sono stati votati dai lettori anobiani ^__-

Fed ha detto...

Beh, le uniche due persone che conosco che detestano Mr P. diete tu e Naeel :)

Laurie ha detto...

76 (121 sì, 45 no)

Questo è Twilight. Recensione stritolante ma ho argomentato. Evidentemente non è piaciuta xD
Sono curiosa di vedere cosa accadrebbe se commentassi Nihal...

Nei commenti dei libri italiani, quelle positive sono sospette... nel senso che ci sono molti scrittori che commentano altri scrittori... spero che non ci sia un fenomeno di "amykettismo" come c'è nel fandom! °_°

P.S. Devo ancora leggere W per cui ho evitato la recension, ma leggendo l'introduzione sono soddisfatta che è piaciuto a qualcuno. Così vado sul sicuro xD

CMT ha detto...

In quanto a Twilight, la mia è una recensione moderata ma fondamentalmente negativa, per cui mi aspettavo anche qualche voto contrario.
Altre cose inattese non direi.

StefanoRomagna ha detto...

Molto interessante questo post!
I miei commenti su Anobii sono stati votati in modo quasi sempre favorevole (nel senso che o sono piaciuti o cmq chi li ha letti si trovava d'accordo su quanto ho scritto). Il mio record l'ho raggiunto con It. 19 si e 0 no. Al secondo posto La lunga marcia, sempre di SK, con 10 si e 0 no. Terzo La Oxford di Lyra, 8 si, 0 no. Buon consenso per Twilight, che ho bellamente stroncato: 9 si, 3 no.
Sono stato invece molto contestato con I doni della morte, di J.K Rowling: 17 si, 15 no. Anche i commenti ai romanzi della Troisi non sono stati sempre ben accetti. La ragazza drago 6 si, 7 no, e mi ero espresso positivamente, quindi pare che in realtà non sia piaciuto.

Francesca ha detto...

... io i voti che ho dato in giro alle recensioni li ho dati spesso PRIMA di leggere il libro, a seconda che la recensione mi avesse dato elementi sufficienti per capire se valeva l'acquisto o meno. O.O non se ero d'accordo o no, ovviamente. Mi sa che ho rovinato le statistiche di qualcuno! (i miei commenti su anobii, invece, sono tutte cose inutili, infatti non ho molti voti :P)

Valberici ha detto...

Mia cara ragazza, sono io stesso un risultato curioso, non me ne servono altri..... :D

Mirtillangela ha detto...

@fed: eheheheh, le mejo!

@laurie: su Twiight avevo pochi dubbi! Io una vera rece non l'ho fatta, quindi sono fuori competizione. Se ti capita di leggere W, fammi sapere che ne pensi ^^

@CMT: ^^

Mirtillangela ha detto...

@stefano: io i Doni l'ho stroncato ma ho un solo voto, favorevole alla rece!! Sulla Troisi ci troviamo, mah.

@Francesca: oh no, non rovini la statistica, anzi la confermi. Come ho detto, è impossibile capire se il voto sia stato lasciato per come è scritta la rece (a prescindere dalla lettura, cosa che spessissimo ho fatto anche io), o per il gradimento del libro. ^^'

@val: mammia mia come siamo criptici, oggi ^^'

tanabrus ha detto...

Vediamo...

Il mio cavallo di battaglia è il best seller di un imbianchino austriaco, il Mein Kampf, con 9 punti (11 si, 2 no. Non so se i "no" siano neonazisti che contestano la recensione o comunisti che contestano la riflessione sulla parte centrale del libro)
Seguono poi Pan, 7 voti (8 si, 1 no) e Straniero in terra straniera (6 su 6).
Per Rothfuss 3 su 3, e poi una sfilza di 1 e 2.

Cassate (-1 su 1) La setta degli assassini, Il codice di Atlantide, Le nebbie di Avalon, La spada della verità 1, Il bacio di mezzanotte, Tortuga (queste ultime avevo cominciato a mettere solo il link al blog, che non avevo più voglia di pensare a un'altra recensione :D )

imp.bianco ha detto...

Ho fatto solo un commento... però non sta nelle statistiche XD

X-Bye

CMT ha detto...

Teoricamente, il voto dovrebbe essere all'utilità della recensione per capire se valga la pena comprare il libro, ma poi molti votano in base a quanto sono d'accordo con cosa c'è scritto.
A me capita di votare recensioni di libri che devo ancora leggere, o di libri che ho letto, ma comunque voto la recensione e non il suo contenuto (salvo i rari casi in cui dopo aver letto la recensione di un libro che conosco inizio a domandarmi se a quello del recensore avessero scambiato la copertina di nascosto e dunque abbia letto tutt'altro).

Bruno ha detto...

Il voto dovrebbe riflettere la validità della recensione, ovvero quanto ti ha aiutato a capire di cosa il libro tratta, e come (ed eventualmente a decidere se leggere o meno il libro). Perciò è corretto votare una recensione prima della lettura del volume cui si riferisce. Meno corretto, ma succede e succede anche alle mie recensioni (non sto a tirare fuori esempi), quando i fan e gli amici personali di qualche scrittore di cui magari non hai parlato benissimo ti subissano di voti negativi. Io credo che Anobii non perderebbe niente se i pollici su o giù scomparissero. Personalmente mi mette in difficoltà (e spesso non lo uso) anche il sistema di votazione con le 4 stelline. Trovo terribilmente difficile dare la "pagella" a un libro, di solito.

CMT ha detto...

@Bruno: anche io uso di rado le stelline, e quando lo faccio vorrei che fossero almeno cinque.

Bruno ha detto...

Poter avere cinque stelle sarebbe meglio; ma c'è qualcosa che non mi torna lo stesso. La semplice difficoltà psicologica di mettere un libro in "classifica" o di ridurre una valutazione a una pagella, e il contrasto dove trovo sia pregi che difetti, e ridurre tutto a "due stelle" non mi va.

Quanto al pollice su o giù, manterrei solo quello in su.

Valberici ha detto...

Ma le stelline esprimono una valutazione puramente soggettiva.
Non si tratta di dare un voto ma solo di dire quanto piacere ci ha dato la lettura.
Comunque un paio di stelle in più servirebbero ;)

LucaCP ha detto...

Mirty, devo dire che i miei commenti sono sempre simili ai tuoi, quindi non ti darò mai pollice verso! Nelle mie recensioni invece noto che bene o male la gente concorda con me. Sospetto che chi discorda si diverta a cliccare a caso in base alle stelline (ok... una volta l'ho fatto... ma dai, non mi si può dare una sola stellina ai romanzi della Rice!).

Francesca ha detto...

Mi fa piacere vedere che il senso che ho dato io alle valutazioni delle recensioni sia condiviso...

le poche stelline di anobii sono un problema... anch'io utilizzo un sistema molto personale, come dice Valberici (infatti c'è la possibilità di dare una differente valutazione ad una rilettura, il ché fa propendere per un giudizio all'esperienza di lettura più che al libro in sé). Tre stelline se il libro è come mi aspettavo, 4 se è stato meglio del previsto, 2 se mi ha delusa... 1 se arrivo a trovarlo illeggibile e lo abbandono. :P