giovedì 24 gennaio 2008

Io Sono Leggenda (libro)- Recensione


Ieri sera ho comprato il libro Io Sono Leggenda e ieri notte l'ho finito. Duecento pagine o poco più scritte in quel modo non possono essere lette in più di due ore. Eh no. Vanno bevute (tanto per rimanere in tema...) e gustate tutte d'un fiato semplicemente perchè è impossibile non farlo.

Preciso subito una cosa: come già detto da molti di voi, libro e film non hanno nulla a che vedere se non il titolo e il nome del protagonista ma la cosa, alla fine, non mi ha disturbata. Ero partita nella lettura con la precisa idea di leggere qualcosa di totalmente diverso da ciò che avevo visto al cinema e mi sono sentita libera di immedesimarmi tra le pagine di Io Sono Leggenda senza l'angoscia di paragonare i due prodotti. Sarebbe stata fatica inutile.

Il libro di Matheson è sorprendente. E' vero, la presenza dei vampiri, di paletti e di aglio, fa di Io Sono Leggenda un libro "fantastico" e quindi potenzialmete di nicchia ma, se al posto dei succhiasangue mettessimo uno qualsiasi dei grandi spauracchi dell'umanità, il libro sarebbe egualmente meraviglioso. Perchè al centro della storia c'è semplicemente un uomo, solo al mondo, circondato da mostri che vogliono ucciderlo. C'è la disperata quotidianità di una persona attaccata alla vita che lotta contro se stesso e i suoi vizi per sopravvivere, che cerca di rimanere sano di mente lì dove la follia sarebbe l'unica soluzione, c'è un uomo che cerca rifugio nella razionalità della scienza e c'è, infine, un essere umano che soccombe davanti a una nuova "disumana" umanità. Il tutto scritto con uno stile narrativo impeccabile senza cali di tensione, senza inutili ridondanze, senza orpelli e lungaggini di sorta.

Non svelo i dettagli del libro perchè sarebbe una cattiveria gratuita. Dico solo che la normalità è un punto di vista e che ogni nascente epoca dell'umanità ha avuto le sue Leggende con cui fare i conti.

Domandone finale: libro o film? Bhè, direi entrambe per motivi diversi.
Quello che mi è piaciuto del film è la ricostruzione della desolazione che circonda Robert Neville, credo che il senso di solitudine mista a follia del protagonista che si aggira routinariamente in città abbozzando persino discorsi vuoti con i manichini, sia stato davvero ben delineato. Del film mi piace anche la non eccessiva caratterizzazione dei vampiri perchè, nell'economia del film per come è stato sceneggiato, paletti e aglio non avrebbero avuto molto senso.

Del libro mi piace l'umano dibattimento di Neville posto davanti alla disperazione, le sue giornate di euforia e le settimane di totale annullamento alcolico; ho trovato il tentativo di addestramento del cane estremamente più straziante del rapporto, già bello eh, di Neville con sam nel film. E poi il finale.... bhè, tutto un altro spessore rispetto al film....

Cmq, pur nella diversità, libro e film mi hanno soddisfatta senza lasciarmi quel senso di presa per i fondelli che ho sperimentato di recente con altre produzioni.

17 commenti:

Stefano Romagna ha detto...

Hai usato la parola giusta: sorprendente.
Sorprendente è la storia, il ritmo e le tematiche che tratta. Sorprendente è il protagonista, la storia alle sue spalle e lo scorcio di una Los Angeles dannata. Sorprendente è il finale.
Deludente è solo la lunghezza del libro. Avrei voluto il triplo delle pagine, scritte davvero bene. D'altronde se Stephen King dice che Matheson è stato l'autore che lo ha più influenzato, un motivo ci sarà! Corro a studiare, buon week end anticipato! :-)

Mirtillangela ha detto...

@Stefano: dici che era corto?? Guarda, io sono una logorroica nata ma l'asciutezza del linguaggio e della vicenda in questo caso non mi è dispiaciuta, anzi...

Ah!Buono studio a te e buon fine settimana!! :)

martyna ha detto...

La tua recensione, se sapessi scrivere così, avrei potuto scriverla io :)

Perché è esattamente il modo in cui la penso. Anche se io ho invertito i tempi: prima libro, poi film.
Il finale ha tutto un altro spessore, allright. Ma anche il film ha "il suo perché".

PS. arrivo qui da anobii :)

Mirtillangela ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Mirtillangela ha detto...

@Martyna: Prima di tutto benvenuta!

Troppo buona! :)

Bhè, io sono solitamente molto pignola sulle trasposizioni cinematografiche dei libri, spec quelli fantastici, ma con Io SOno Leggenda- Film c'è poco da essere pignoli: è un'altra cosa dal libro e come tale va trattato.

In altri casi il giudizio non è stato altrettanto conciliante, vedasi Bussola d'Oro, il libro è stato terribilmente (e incomprensibilmente) maltrattato dal film!!

ps:hai questo stesso nick su anobii?? Non ti trovo... :)

Fed ha detto...

Oh, che bello, Mirtillina ha letto il libro!!!! Sapevo che ti sarebbe piaciuto, Mari, lo sapevo e hai anche rischiato di riceverlo come regalo di compleanno dalla sottoscritta ^__^ e soprattutto, ora che lo hai letto, hai capito perché a un certo punto al cinema mi sono sciolta in lacrime

sauron era un bravo artigiano ha detto...

Sono contento che tu abbia letto il libro. E' uno dei miei preferiti e l'ho appioppato in regalo a parecchia gente. ho smesso solo quando ho perso traccia di chi l'avesse già ricevuto : non volevo fare la figura di regalare due volte la stessa cosa.

E non riesco a credere di non avere commentato da nessuna parte, nè online nè nelle varie chiacchiere in cui ho parlato del libro e del film con amici e colleghi, del cane. Una parte tutt'altro che mal fatta nel film ma forse il punto più intenso del libro (finale a parte).

Mi rincresce solo che gli altri libri di Matheson che mi sono procurato siano stati carini ma non all'altezza di questo capolavoro.

imp.bianco ha detto...

Grazie per aver indirizzato una brava disegnatrice nel mio blog :P Comunque carino il tuo bloggo! XD

X-Bye

Valberici ha detto...

Sono assolutamente d'accordo con la tua recensione.Tuttavia devo anch'io rammaricarmi, come già ha fatto suron, per il fatto che Matheson non si sia più ripetuto con un tale livello di eccellenza.

Fed ha detto...

@Sauron e Valberici: io volevo provare a leggere qualcos'altro di Matheson, dite che vale comunque la pena anche se non è all'altezza di "io sono leggenda"?

Mirtillangela ha detto...

@sauron: concordo, la parte del cane nel libro è fenomenale anzi, penso sia la parte che meglio rende la totale mancanza di speranza che avverte, e su _subisce_ Robert.

@Imp: Grazie Imp!Confesso che vengo spesso sul tuo ma, ahimè, di fumetti non ci capisco nulla (e temo che sarà una lacuna incolmabile che neppure Fed è riuscita a farmi sanare...)e a disegnare sto messa peggio quindi
ti mando Fed al posto mio...

@valberici: son contenta che la pensi come me! Quanto alle altre produzioni non ho ancora letto nulla di Matheson, se mi dici pure così mi scoraggio...

imp.bianco ha detto...

Ma allora se passi lascia un commento :P

X-Bye

sauron era un bravo artigiano ha detto...

Beh, io non volevo comunque scoraggiare nessuno. Gli altri suoi libri che mi sono capitati tra le mani mi sono sempre sembrati più che decorosi ("tre millimetri al giorno" lo ricordo come particolarmente carino). Ma mentre "Io sono leggenda" è un capolavoro che trascina in un mondo altro e ti tiene lì per tutto il tempo, non ho ricevuto la stessa sensazione dagli altri suoi romanzi.

Riflettendoci un po' a anni da quando li ho letti l'ultima volta, sospetto che il problema sia che sono più immersi nel mondo reale. Le interazioni tra i personaggi sono più legate ai cliche abituali della narrativa.

Ma onestamente, dovrei rileggerli per commentare seriamente al riguardo. E aggingo che nn ho letto *tutto* matheson. Può darsi benissimo che le gemme migliori mi siano sfuggite.

La mia impressione è che "Io sono leggenda" sia imperdibile. Il resto vale la pena leggerlo ma se non dovesse capitare l'occasione non c'è da avere rimpianti.

Magari Valberici ha ricordi più freschi di me e può dire di più e di meglio?

gabry_enzo ha detto...

l'ho letto ieri e devo dire che l'ho divorato...ho comprato il libro dopo aver visto il film che non mi aveva entuasiasmato tanto...
è vero film e libro sono due cose completamente diverse tanto che ieri sera quando l'ho raccontato al mio ragazzo ci è rimasto pure lui...
recensione la tua stupenda sapessi scrivere ance io come te =)

Mirtillangela ha detto...

@gabry: ciao! ma grazie per i complimenti, troppo buona, mi piace solo mettere a parole quello che sento quando leggo un libro o vivo un film...

Concordo su tutta la linea,le due cose non hanno nulla a che vedere, bisogna prendere il meglio che le due storie possono dare senza troppi pregiudizi!

francowriter ha detto...

Ho scoperto da qualche anno Richard Matheson, ha scritto romanzi magnifici.
Io sono leggenda è stato il primo che ho letto e devo ammettere che per me è un romanzo che non deve mancare in una biblioteca che si rispetti.
Ciao a tutti

Anonimo ha detto...

cacca. questo libro è meravigliosi