giovedì 20 dicembre 2007

La Bussola D'oro- Recensione


E finalmente ho visto anche io la Bussola D'Oro (per la cronaca Rob non mi ha comprato i pop corn ma mi ha concesso un trancio di pizza...quest'uomo è un aguzzino!!!).

Il primo aggettivo che mi viene in mente è: prudente. Il secondo è: Insipido. Come tutti i migliori e arditi piatti che vengono forzatamente stemperati per piacere a quanti più invitati possibili, detto piatto alla fine non sa di nulla. Ecco. La Bussola D'Oro mi ha dato questa impressione. Tanta era la necessità di non accendere ulteriormente gli animi cattolici, tanta la necessità di rassicurare lo spettatore che alla fine Queste Oscure Materie non è la saga eretica che tutti dicono che, alla fine, il film era una schifezza. Non era questo, non era quello, non era un
accidenti.

Non mi accanisco
sulle scelte narrative che hanno portato il regista o lo sceneggiatore a fare scelte quantomeno discutibili (Billy Costa trovato in una casa abbandonata, Lyra che scopre l'identità dei genitori alla fine e non all'inizo della vicenda, etc...) perchè il cinema ha necessità descrittive e tensive che non sono affatto quelle dei libri (l'ho sempre detto e continuerò a ripeterlo, hanno _linguaggi_ diversi).
Il vero dramma non è quello che il film ha mostrato ma quello che il film ha taciuto ovvero gli ultimi, fondamentali, tre capitoli del libro.

Fondamentali per capire la vicenda non solo per essere coerenti col testo.

Perchè? Ci eravamo già posti la domanda in altro post e quasi quasi avevamo azzeccato la risposta senza vedere il film. Timore e di nuovo prudenza. Nessuno si è preso la responsabilità di portare sullo schermo il messaggio di Pullman fino in fondo, nessuno ha osato rischiare la condanna definitiva invece che blande critiche, difronte ai temi affrontati nella parte finale del testo.
Che sono temi duri, forse indigesti, di certi difficili da "mitigare" perchè sono chiari e limpidi: la Polvere è il peccato originale portato sulla terra col gesto di Eva che mangia la mela. E la Chiesa, con l'Intentenza per L'oblazione, cerca di scacciare il peccato dal mondo prima che la Polvere (peccato) si cristallizzi attorno agli adulti. Perchè i bambini restano privi di peccato
fino all'adolescenza e scinderli dalla loro anima (daimon) è forse il modo per non far entrare il peccato nel mondo.

Il messaggio è forte e non è diretto ad un potere religioso qualsiasi, è diretto alla Chiesa cattolica. Punto. Si parla di Adamo e di Eva, si parla di peccato, si citano passi della Bibbia. Si parla di organizzazioni anche violente che puniscono e castigano. Insomma, non ci si può più girare attorno. E, in pieno stile Intendenza per l'Oblazione, il film semplicemente non lo dice.

Mentre uscivamo dalla sala ho visto tante facce perplesse e una ragazza, sbuffando, chiedeva
al boy: "Aò, ma alla fine che è sta Porvere???" (siamo sempre a Roma, eh...).
Ecco. Alla faccia della coerenza. Il povero spettatore pagante non ci ha capito una ma..a cosa che uno mette in conto se va a vedere il cinema francese o russo ma cavolo, una storia fantasy no!!!!

Uff. Non resta che rileggermi la trilogia perchè Pullman è un genio e la potenza narrativa dei tre libri non ha avuto fin'ora giustizia.


17 commenti:

Stefano Romagna ha detto...

Assolutamente d'accordo. DELUSIONE TOTALE, e non solo per il taglio, la vera "intercisione" che il regista ha propinato a noi spettatori, invece di riservarla ai daimon.
Semplicemente non c'è pathos, non c'è azione. Il libro è lento, questo è vero. Ma il film è davvero uno strazio. Non sono bastati i 190 milioni di dollari, nè gli effetti speciali. Nemmeno il faccino della Kidman, oserei dire, che stavolta ha davvero preso una cantonata paurosa. La storia non si capisce, il combattimento tra gli orsi me lo hanno pure spostato, Dio (perchè è questo il termine usato nel romanzo) lo hanno riportato come "l'autorità." Come dici tu, un film ambizioso che si è rivelato raffazzonato e che per la velleità di accontentare tutti è riuscito, al contrario, a scontentare TUTTI. Adesso io mi chiedo: che ne sarà della parte relativa ai 3 capitoli finali che era già stata girata? Considerando che questo primo film si è rivelato un flop e la critica lo ha bellamente stroncato, non so proprio cosa aspettarmi. Speriamo almeno lo aggiungano come extra quando uscirà in dvd! Un vero peccato. Mi consolerò con La lama sottile (il libro) che riceverò come regalo di natale.

Mirtillangela ha detto...

Guarda, io non ho trovato affatto lento il libro cioè, più lento di Narnia o di altri libri che nn nomino che sennò mi piacchiano??? Naaaaa... ^_-

Hai detto il vero, il film è lento e inconcludente. Ricco, addobbato come un bell'albero, ma vuoto.
E' stato mitigato, annacquato e la cosa è ancora più tragica per un motivo. Hollywood non fa film con sceneggiature originali da almeno 5-6 anni. Solo film tratti da libri, fantasy oppure fa remake; il motivo è di business cioè si cerca di andare sul sicuro senza rischiare troppo.

E allora che senso ha mutilare un film tratto da un libro??? Che senso ha usare il plot di un autore su cui "scaricare" eventuali responsabilità narrative se poi il risultato è questo?? Fate cose originali e organzzatevele come vi pare, ma non questo!!

Spero che la lama sottile non venga mai girato perchè in ogni libro Pullman approfondisce il suo pensiero e se deve risultare distorto (non dico adattato allo schermo, ma proprio distorto)direi no, grazie.

E cmq il cannochhiale d'ambra, il terzo è ultimo libro, è strabiliante. Leggi leggi!!

Stefano Romagna ha detto...

Non lento fino a quei livelli... :-)
Ho trovato lente le prime 80, 100 pagine, fino a quando Lyra non entra nel vivo dell'azione, ma la mia non era affatto una critica, anzi.
La Bussola d'Oro è un libro eccezionale in tutto e per tutto. Originale, profondo, una vera metafora della vita, stampata su carta. Il risultato al grande schermo ha finito con il rammaricarmi. Credo il film sia piaciuto, in parte, solo a coloro che non hanno letto il romanzo. Non sanno cosa si sono persi! Leggerò tutto il resto della trilogia non appena arriva Babbo Natale. ^-^

Stefano Romagna ha detto...

Ps: se ti interessa, sul mio blog ho recensito proprio il libro, mesi orsono! :-) E' alla categoria angolo del recensore.

Paola ha detto...

ragazzi mi state buttando giù il morale!!!
IO che volevo vederlo!

Premetto: non ho letto il libro, quindi non so nemmeno di che caspiterina parli...

Ma davvero fa così schifo????
:(

Mirtillangela ha detto...

@Paola: Ma no, dai!! Come ha fatto notare Stefano, per chi non ha letto il libro forse il film non è poi cos' male o meglio, non tanto peggio di altri film fantasy.

Vai a vederlo e dimmi che ne pensi poi se nn ti è chiaro qualcosa saprai a chi chiedere....

Francesca ha detto...

sì, è davvero un peccato che abbiano "mitigato" (<- eufemismo) il messaggio del libro. Ma non sono una persona molto critica: ho passato due ore piacevoli a rievocare i ricordi del bellissimo libro che avevo letto parecchi anni fa, il film era tecnicamente ben fatto, gli attori ci stavano bene, le atmosfere erano belle... e mi è piaciuto. Ho avuto anch'io l'impressione che chi non avesse letto il libro non l'avrebbe trovato troppo comprensibile... e condivido l'inquietudine per i successivi: se non c'è stato il coraggio di mantenere il messaggio in questo capitolo, con che faccia presenteranno i prossimi?
... staremo a vedere.

Paola ha detto...

@Mari ...

Okkk ^_^
poi ti saprò dire ^_^

Ghejoxx ha detto...

onestamente m'avete strokato pure a me.. dopo le cronake d enarnia ero gia indeciso.. ma mo so popo sikuro ke nn ce vado.. pekkato anke 'x armeno er trailer prometteva bene :-S

cmq so d'accordo co te mity... se se deve adatta un libro co le dovute interpretazione del regsita va bene.. ma cambiallo radikalmente skonvolgendone la natura qll no

Mirtillangela ha detto...

@Ghejoxx: Oddio no!!! Non volevo mica scoraggiare nessuno!! Anzi, guarda il film perchè, diciamolo, sono io che sono parecchio pignola.

Se tu non hai letto il libro potresti tranquillamente apprezzare il film perchè ha dei bellissimi effetti. Specialmente gli orsi corazzati, sono STUPENDI!!

Ghejoxx ha detto...

beh io vorei vedemme un film do ce sta pure la storia... no un ora un ora e mezza de effetti speciali.. anke x' senno poi nn te passa + :-D .. e onestamente dopo ke m'hai detto ke l'hanno stravolto preferisko leggeme er libro :-D

Ghejoxx ha detto...

cmq nn te prokkupa.. anzi la tua recenzione m'ha salvato sia li skei ke le balls :-D .. ih ih ih.. la max me lo vedo qnd esce in dvd :-D

Stefano Romagna ha detto...

Mirtilla, ormai è appurato. Ci metteranno al rogo! :-)

Fed ha detto...

@Stefano: calma, bello, per il rogo c'è la fila, prendi il tuo numerino e aspetta il tuo turno.

@Mirtillangela: non mi avrai invogliata a vedere il film, ma a leggere il libro si. L'avevo sempre un po' schifato in passato, lo ammetto, ma mi sa che ho fatto proprio male... il mio primo acquisto post natalizio ^__-

Paola ha detto...

Io comunque sono sempre del parere che per giudicare/apprezzare una cosa bisogna toccarla con mano...
:/
Senza nulla togliere sia a Mari che a Stefano, per carità ^_^ (Anche perché vi ricordo che io parlo da ignorante, visto che non so minimamente di che tratta, non avendo letto il libro... ^_^)...

Quello che può piacere a qualcuno può fare schifo all'altro... Quello che uno riesce a comprendere il significato che un qualcosa esprime, all'altro può essere solo sabbia al vento ^_^

Ripeto, senza nulla togliere niente a nessuno ^_^

Quindi prima di dire quel film _MI_ FA SCHIFO, devo per forza guardarlo, toccarlo con mano per intenderci: non posso basarmi sulla _schifezza_ di un qualcosa su un commento di una, dieci, cento persone.
Ognuno siamo diversi ed ognuno abbiamo una nostra concezione di vedere le cose ^_^

Sono fatta così, nel bene e nel male, che volete farci??? ^_^

Per fare un esempio: un casino di persone hanno commentato negativamente su vari film fantasy... Quello che secondo me ha fatto più scalpore (o forse perché me lo ricordo di più :P) è stato :Il labirinto del fauno. Ho sentito un casino di critiche!
Io, come sempre, ho voluto vederlo per poterlo giudicare e beh, devo dire che a me invece è piaciuto un casino^_^

Quindi Mari: non so quando andrò a vederlo (se cinema o dvd) ma comunque lo guarderò senz'altro e ti darò la mia opinione ^^

Mirtillangela ha detto...

@Paola: Questo è lo spirito giiusto! Esprimere un commento su un posto virtule come questo non vuol dire criticare e basta intendendo le proprie parole come un vangelo. Personalmente trovo molto più stimolamte il confronto basato sull'esperienza, perciò guarda il film e soprattutto, leggi il libro!!

@Fede e Stefano: Uè, piromani, io di morire arrosto non ci tengo proprio, nemmeno per un libro fantasy, il che è tutto dire... :P
A proposito, sto leggendo l'ultimo di Martin, a presto la rece!(prevedo critiche dai fan anche in questo caso...)

Roberto ha detto...

@ Mari: iniziamo a puntualizzare: non ti ho accontentata con un misero trancio di pizza, bensì ho avuto la ragguardevole indulgenza di concederti un calzone prosciutto e formaggio, ben più calorico persino di una porsione di popcorn (che si sappia, persino io ho un cuore :P)!!!

@ Stefano Romagna ha detto:
Come dici tu, un film ambizioso che si è rivelato raffazzonato e che per la velleità di accontentare tutti è riuscito, al contrario, a scontentare TUTTI.

Oserei parafrasare il concetto in "hanno scontentato tutti, cercando di non offendere nessuno.". In particolare, l'Autorità è stata a mio avviso spogliata del ruolo di censore morale per essere rivestita di una carica più politico-amministrativa, riportandomi alla mente in più in un passaggio la figura del fantomatico Padre che troviamo in Equilibrium, intento a comandare le masse privandole del libero arbitrio.

Concordo dunque sulla sensazione di generale insipidità con cui hanno macchiato un film dal potenziale ben superiore: a fronte dei brillanti commenti con cui a suo tempo Mirtillangela mi aveva illuminato circa la poliedricità dello scritto, devo dire che questi fessi hanno annacquato con totale incuranza un ottimo Dom Pérignon.