mercoledì 6 agosto 2008

Il Cavaliere Oscuro secondo l'Avvenire


Il critico cinematografico dell'Avvenire Francesco Bolzoni è andato a vedere il Cavaliere Oscuro al cinema. Ne dà notizia anche Imp in questo post che ha ispirato direttamente quello che state leggendo.
Si, ha visto il Cavaliere Oscuro, ma quale versione rivista e corretta dello stesso, questo non lo so!

Leggete l'articolo del 23 luglio 2008, lo trovate sul sito nella versione pdf del giornale cartaceo: enjoy ^_^


L’ATTESO KOLOSSAL

Il secondo episodio diretto dal regista Christopher Nolan torna a enfatizzare la fragilità psicologica del
supereroe interpretato da Christian Bale alle prese con la malavita di Gotham City e con il Joker-Ledger

Il Batman più duro in Italia senza divieti
Da oggi in 640 sale il violento e spettacolare «Il cavaliere oscuro», vietato agli under 13 in Usa dove all’uscita con 158 milioni di dollari ha battuto il record di «Spider-Man 3»
DI FRANCESCO BOLZONI

A chi allude il regista Chri­stopher Nolan, tra i più abi­li tecnici della scuderia hol­lywoodiana, quando nel finale del suo ultimo film parla di 'cavaliere o­scuro', a proposito di un uomo sva­nito nel nulla? Non probabilmente al temibile Joker che, vomitando in­sulti sull’eroe di Gotham City, fino a pochi minuti prima avevamo visto penzolare da una corda – a testa in giù – attaccata a un grattacielo. E neppure al buon tenente che, sim­patico e aitante per gran parte del film, si trova alla fine la faccia detur­pata da un incendio e si incattivisce. Si tratta, allora, proprio di Batman (Christian Bale) nel film più violen­to, più crudele, più articolato nelle a­zioni e forse il più paradossale dei numerosi prodotti dedicati al per­sonaggio dei fumetti di Bob Kane.

Il quinto episodio della serie cine­matografica (ispirato stavolta so­prattutto alle tavole di Miller e Moo­re),

dell’uscita, è arrivato il parere della commissione censura: nessun di­vieto. Una decisione in controten­denza rispetto alla gran parte degli altri Paesi. Negli Stati Uniti (doveIl cavaliere oscuro, il secondo di­retto da Nolan, sarà da oggi in 640 sa­le italiane. E soltanto ieri, alla vigilia The Dark Knight con 158,4 milioni di dol­lari ha appena infranto il record di 151 milioni incassati l’anno scorso da Spider-Man 3 diventando la pel­licola che ha guadagnato di più nel weekend di uscita) il film ha infatti avuto, a causa della indiscutibile vio­lenza di alcune scene, il divieto ai minori di 13 anni, in Gran Bretagna quello ai 12, in Olanda ai 16, in Nor­vegia, Corea del Sud e Irlanda ai 15, mentre il Belgio ha scelto di appor­re il marchio «permesso ai bambi­ni ». L’Italia si affida evidentemente al buon senso degli adulti affinché valutino bene l’opportunità di far ve­dere questo duro, benché altamen­te spettacolare film, ai ragazzini.
Venendo al nostro supereroe targa­to Nolan, bisogna tener conto che, a differenza di altre figure dei fumet­ti, Batman non dispone di veri e pro­pri superpoteri. Con un’automobi­le di sua invenzione percorre i cieli della città che è tutto uno svettare di grattacieli, luminosa, e in ciò simile a Hong Kong dove Batman si trasfe­risce in missione per catturare il ca­po della mafia cinese che con quel­la italiana infesta Gotham City. La fragilità psicologica di Batman, già indagata da Nolan in Batman Be­gins, viene ulteriormente approfon­dita ora nel Cavaliere oscuro dove il nostro eroe se la deve vedere con po­tenti gruppi malavitosi. Il più temi­bile è quello guidato dal Joker, in­terpretato benissimo da Heath Led­ger, tragicamente morto lo scorso gennaio per un’overdose di farmaci. Oltre che dal Joker, la centralità un tempo goduta da Batman è condi­visa dal buon tenente prima che la sua faccia venga deformata. L’uffi- ciale infatti aveva scatenato guerra a oltranza al Joker e a Batman. Anche per questo il 'guardiano' di Gotham City si sente a disagio e chiede con­siglio al fedele maggiordomo (un bravo Michael Caine, in una parte più consistente del solito) e gli ordi­na di smantellare la centrale delle sue spedizioni.

Si sarà capito da quanto raccontato finora che gli ammazzamenti, spe­cie di poliziotti, la carambola di au­tomobili, gli incendi, le bombe che esplodono e altri eventi spaventosi che si incontrano solo al cinema non difettano di sicuro a Il cavaliere o­scuro
che sta segnando una clamo­rosa affermazione commerciale per il regista Nolan.


Letto? Bene. Ma che cavolo di recensione è?
Sorvolando sul titolo ad effetto (dunque è quella la vera notizia?), sullo stile molto da "favoletta raccontata ai bambini", nonchè sulle più di 10 righe passate a snocciolare l 'elenco dei paesi che lo hanno vietato ai minori, quello che ha visto il recensore è un altro film!!!

- neppure al buon tenente che, sim­patico e aitante per gran parte del film, si trova alla fine la faccia detur­pata da un incendio e si incattivisce. Ma è il procuratore a venire deturpato non il povero tenente! Si incattivisce? Un cane a cui levi la pappa si incattivisce, Due Facce si incazza da morire e quasi impazzisce!! Pare che stia a raccontare una favoletta... :(

- per catturare il ca­po della mafia cinese che con quel­la italiana infesta Gotham City- non è proprio il capo della mafia cinese quello che va a cercare Wayne, comunque è un dettaglio, via.

- C
on un’automobi­le di sua invenzione percorre i cieli della città che è tutto uno svettare di grattacieli, luminosa- ma la Batmobile non vola!!!! Fa di tutto ma volare non mi pare proprio...

Grazie Imp, mi sto ancora rotolando dalle risate!

13 commenti:

coubert ha detto...

-_-


E aggiungerei: in Olanda VM 16?????? -_- ^2

Valberici ha detto...

Certo che se 'sto tipo lo pagano...allora tu dovresti essere ormai ricca...viste le tue recesioni ;)

LucaCP ha detto...

Che bello venire pagati per scrivere cavolate! Sto tipo il film l'ha visto solamente in locandina, o al massimo ha dato uno sguardo al trailer! La cosa triste è che finge di scendere nei dettagli evidenziando così la mancata visione del film! XD

Bruno ha detto...

Si è fatto raccontare due cose del film, le ha capite a metà, e ha fatto la recensione. Il film non lo ha visto. Giusto una irriverente supposizione mia, beninteso.

Fed ha detto...

io quoto bruno.
E aggiungerei che la mafia di Gotham NON è la mafia italiana.

Che non è che Dent (che non è un simpatico tenente) impazzisce perché sfigurato da un incendio, impazzisce per tutto il contorno della faccenda (il fatto che abbia ascoltato la sua donna morire per esempio non dice nulla al recensore?)

Mi sa che questo più che Batman ha visto un baRman e di quelli che ci vanno pesante con i superalcolici nei cocktail.

imp.bianco ha detto...

Quoto Bruno, sto tizio il film non l'ha manco visto o ha visto un altro film pensando fosse il Cavaliere Oscuro! XD

X-Bye

Alex ha detto...

Meno male che ho visto il film ieri sera........

Ha iniziato la 'recensione' spoilerando tutto il finale -___-

Un applauso a mani aperte

Sean MacMalcom ha detto...

Il quinto episodio della serie cine­matografica...

Ehm... quinto film?
Escludendo quali?
Perché in un conteggio che esclude i film di Schumacher (come farei volentieri io) questo sarebbe il quarto.
Ma, non potendo rinnegare l'esistenza di "Batman Forever" e "Batman & Robin" questo è il sesto.
Qualcuno, addirittura, considera anche "Batman - The Movie" (sì, quello con i protagonisti della serie TV classica) nel conteggio, facendo addirittura salire così questo film al settimo posto.

1. Batman - The movie (1966)
2. Batman (1989)
3. Batman Returns (1992)
4. Batman Forever (1995)
5. Batman & Robin (1997)
6. Batman Begins (2005)
7. The Dark Knight (2008)

Quindi... da dove ha tirato fuori "quinto film"?
Questo critico non solo non sa guardare un film... non sa neanche contare. =.="

Chissà cosa mi risponderebbe se gli domandassi "Tu danzi mai col Diavolo nel pallido plenilunio?"?

Mirtillangela ha detto...

@coubert: eh già ^___^

@val: troppo gentile ^^'

@lucacp: si, effettivamente più parl più diventa ridicolo. Ma l'importat è non esserne consapevoli ^___-

Mirtillangela ha detto...

@bruno: altro che irriverente, le tue parole sono l'unica cosa sensata nel mare di sciocchezze di questa recensione! Concordo con te :)

@fed: Eh quanto sei pignola, non mi conondere il recensore ^_-

@imp: ma io dico, se il film come genere ti schifa, non ti penare di recensirlo. Oppure la recensione era un pretesto per la vera notizia, ovvero il non divieto di visione ai minori in italia? Oppure, dato che tutti parlano del film, bisognava non perdere l'occasione ? bhò!

Mirtillangela ha detto...

@alex: si vede che non aveva altre cosiderazioni da fare sul film, apparte che non era vietato ai minori. e dire che batman come personaggio e il cavalire oscuro come film, di spunti di riflessione ne dano parecchi. :(

@sean: questo non l'avevo notato nemmeno io!! Grande! Qualcuno gli avrà detto che era il quinto e, da bravo giornalista che si preoccupa di verificare le fonti, l'ha scitto senza porsi il problema.

ehehehe, farebbe cristiani scongiuri e ti guarderebbe come se tu fossi un eretico. La citazione non la capirebbe...

sauron era un bravo artigiano ha detto...

Il riferimento alla macchina che vola mi fa sospettare che abbia visto solo il primo (in cui se ricordo bene balzava se non altro da un tetto all'altro) e abbia scritto la recensione basandosi sui ricordi di quello e su spizzichi e bocconi sentiti qua e là.

Mi viene quasi la curiosità di guardare le altre recensioni che ha scritto per vedere se tratta così tutti i film o se riserva questa superficialità per quelli tratti da fumetti e quindi immeritevoli di impegno.

LiciaL - Ai ha detto...

O_O e lo pagano???