mercoledì 21 novembre 2007

Earthsea: Mirtilla dice la sua


Hem Hem… l’incauta proprietaria Principale di questo angolo di nullafacenza ha pensato bene di annotare la sua password su un foglietto giallo un po’ adesivo un pò no (mi chiedo come si faccia a fare cartoleria così scadente da queste parti) sicchè mi sono sentita autorizzata a prenderlo a prestito per dare il mio prezioso contributo.
Sono Mirtilla e di norma ho idee opposte a quelle della Principale come opposti sono i nostri quozienti intellettivi, inutile dirlo, a mio vantaggio. E visto che la beneficenza è una moda abbastanza diffusa di questi tempi, sappiate che io convivo pazientemente coi chiari limiti cerebrali della Principale sin dalla nascita. Si, lo so, apprezzo la comprensione. Dirò la mia non appena distoglierà lo sguardo da qui…..
__________________________________________________________

Premetto che i libri zeppi di lunghe descrizioni e di pindarici esercizi lessicali non li sopporto proprio. Premetto che i libri fatti di tantissime parole e di pochi dialoghi non incontrano affatto il mio favore.Premetto anche che all'apparenza la Saga di Earthsea di Ursula Le Guin è precisamente la somma di questi aspetti. Ma in realtà, dopo aver letto le prime fitte pagine del primo libro della saga intitolato Il Mago di Earthsea, si scopre la verità: la prolissità e la densità della scrittura della Le Guin è solo apparente.
-Quindi le 30 pagine consecutive di righe fitte fitte e scritte piccole piccole me le sono sognate? O_O

E' poesia in forma di prosa.
-
Hem… scusa eh, ma questa è una cazzata, lo sai? Cioè, se è prosa è prosa se è poesia e poesia! Carne e pesce mica sono la stessa cosa, no? Io le licenze poetiche di autoproclamati recensori non le capirò mai. Tze!

Trama in Breve: difficile esaurire la trama in poche parole poichè, avendo letto il volume unico edito da poco dalla Nord, considero le vicende come un continuum in cui è difficile individuare i confini netti dei singoli.
- Ecco, allora perché ti ostini a fare la critica letteraria se manco ti ricordi i titoli dei libri _singoli_ ????

In generale la saga di Terramare narra la vita del giovane e talentuoso Ged di Gont che, sin dall'infanzia, mostra di avere doti magiche al di fuori della norma. Ged riesce a migliorare i suoi talenti grazie agli insegnamenti appresi nella scuola di Roke e la sua sarà una vita piena di riconoscimenti (verrà designato come Arcimago di Roke) ma anche di grandi sacrifici come quello che compie a Selidor per salvare Earthsea dalla morte.
- Come no! L’ennesimo martire sfigato che per salvare il mondo perde tutto quello che ha. Originale l’autrice….

E poi, sul finire della vita, anche dell'amore e dell'affetto di una donna del destino.
- O_O Cioè aspetta un attimo, tu dici che uno che fa sesso per la prima volta a 60 anni è uno sano di mente?? Ha conosciuto sta Tenar quando lui era giovane e magico e lei bella e nel fiore degli anni e cosa fa il genio??? La molla perché lui ha la magia a cui pensare e poi se la sposa quando è bello vecchio e solo?? Mah, mi sa che io preferisco gli scemi….

Personaggi: i
personaggi della Le Guin sono ben caratterizzati e indagati psicologicamente. Ged è di certo quello maggiormente approfondito nella sua adolescenziale arroganza, nella saggia età giovanile e poi nella schiva anzianità. Impossibile non affezionarsi anche a Tenar, la giovane, prima, e la donna, poi, che rappresenta sin dall'inizio il destino di Ged. Apprezzo anche molto Re Lebannen o Arren, che dir si voglia, che da ragazzo impulsivo e temerario si trasforma col tempo in un saggio sovrano
.
- A me sti personaggi mettono un po’ di tristezza. Ged per metà del libro è una specie di fattone che parla per enigmi che solo lui capisce; Tenar è una povera frustrata che aspetta anni per portarselo a letto; Re Lebannen soffre di complessi di inferiorità con le donne… bah….

Luoghi: ….
Eppure il vero luogo esplorato in lungo e in largo è l'essere umano, con le sue debolezze, le sue paure e meschinità ma anche con le sue speranze, il suo altruismo e la sua saggezza. Alla fine del libro, infatti, si ha la sensazione di aver percorso un lungo viaggio in territori vastissimi dai confini indefiniti che vanno però a coincidere con i _luoghi_ della vita e della morte in un percorso introspettivo alla ricerca del senso delle cose
.
- Meno male che è finito sto viaggio… dopo 832 pagine, persino Ulisse avrebbe deciso di togliersi definitivamente la vita risparmiando al fido Argo di tirare le cuoia al suo ritorno...

Mi piace:
la scelta di legare i libri della saga non solo attraverso la continuità cronologica degli eventi, come accade quasi sempre, ma attraverso il percorso di nascita, crescita e maturazione del giovane Ged; mi piace molto l'origine della magia di Earthsea che risiede nel vero nome delle cose.

- Qui concordo e qualche autoruncolo odierno farebbe bene a fare meno il gradasso perché non si è inventato nulla, capito Paolini????

Non mi piace:
le vicende narrate dalla Le Guin a volte scivolano via troppo rapide specialmente nei finali del libri che non danno sempre giustizia alla completezza narrativa che li ha preceduti
.
-
E meno male!!! Insomma, a me sta saga non mi è sembrata un gran che. Scivola via come un bicchier d’acqua e non lo so se sia un pregio… E poi i draghi…signori, è evidente che la Le Guin non ne ha mai visto uno come si deve…

10 commenti:

Paola ha detto...

832 PAGINE!!!!

Porca vacca! E' peggio della Bibbia!!!!!

Ma siamo pazzi... Mi sa che non lo leggerò mai solo dalle pagine!
Lol!!!

chi mi dà tutto quel tempo!?

Mirtillangela ha detto...

Ecco, lo vedi? Tu si che capisci!
La Principale di questo attrezzo virtuale non capisce nulla... oddio... mi ha visto al pc! devo chiudere...questa mena! :P

Fed ha detto...

Miurtillangelina cara... mi sa che alla fine me lo dovrò proprio leggere per scoprire com'è davvero sto libro... tendenzialmente sono solita concordare con la principale su ste cose, ma sai com'è... si vedrà!

Roberto ha detto...

Ommioddio... Mirtillangela è approdata anche qui!! La donna dai modi affabili, genDili (la D era voluta :P) e cortesi nonché dalle grandi certezze (Ma anche no!!) è riuscita ancora una volta a materializzarsi alle spalle di Mari, come un'ombra malevola e desiderosa di rompere i maroni!!
E io, che ci devo fare i conti tutti i giorni, speravo che almeno qui saremmo stati al sicuro!! Infermiera!! Infermiera!! (@ Paola) 30CC di LASSAtivo!! E' l'unico modo per fermarla! ^___^

Paola ha detto...

@ Roberto!

Mi sa che 30CC di lassativo non sono sufficienti!

IO opterei per un immediato clistere! :D
Efficace e moooooolto voloce ad agire!!! :D

Bisogna sradicare Mirtillangela dalla radice... altrimenti succede come con le piante: rinasce! :P

stefano epifani ha detto...

Noto con piacere che hai amici e fidanzati molto attenti al tuo ritmo intestinale! :-)
Comunque è molto interessante il tuo approccio schizzoide-dissociativo alla recensione! :-P

Mirtillangela ha detto...

@stefano: Dissociata-schizzata a chi, mi scusi?? Sta parlando della Principale non della sottoscritta, VERO????

@paola e roberto: O_O

-_-

Paola ha detto...

@ Stefano
Certamente ^_^

Uno dei taaaaaaanti compiti di un bravo infermiere c'è quello di provvedere all'assistenza del paziente anche nei bisogni intestinali! ....

Anche se la cosa potrà fare schifo...
... c'è sempre il lato positivo dei prelievi :D

Qualcuno vuole un prelievo?
:P

Fed ha detto...

@Paolaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!! basta con 'sta faccenda dei prelievi!!!

Per quanto riguarda il lassativo consiglio di andare sul pesante, qualcosa come i prodotti studiati per i cavalli: è la volta buona che ci togliamo dai piedi la gemella malvagia, quale che sia fra le due ^__^

Paola ha detto...

okkk basta prelievi ^_^

comunque l'andare sul pesante mi sembra un'ottima soluzione! :D
sisi!

ma avrò bisogno di qualcuno che la tenga ferma...

Fed, Roberto, a voi l'onore! :D